361

Recensione delle 361° scarpe da corsa Meraki

Qual è il marchio 361 Gradi?

361 Degrees è un importante marchio cinese di abbigliamento sportivo e calzature fondato nel 2003. Ai Giochi Olimpici di Vancouver 2010 ha equipaggiato la squadra nazionale cinese di curling, e ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Rio 2016 a Rio de Janeiro ha fornito prodotti  per oltre 100.000 volontari e funzionari.

Il nome “361 gradi” simboleggia l’equipaggiamento degli atleti “in cerchio”, cioè a 360 gradi, il grado in più sta a simboleggiare  qualcosa di più di un semplice equipaggiamento. Il grado 1 sta a significare la dedizione allo sport e l’essere superiore a tutte le aspettative. In Cina, le 361 Gradi sono in concorrenza con  marchi affermati come Li-Ning e Anta. Ora le 361 gradi sono venute a conquistare il mercato russo.

Abbiamo ricevuto la recensione delle 361 sneakers Meraki – è il secondo modello nella categoria degli ammortizzatori dopo le Spire. Ringraziamo BRAV RU per aver testato la sneaker.

Tutti possono provare e acquistare gratuitamente le scarpe da ginnastica 361° all’Expo Moscow Marathon 2019. La mostra si terrà al Crocus Expo il 20 e 21 settembre. Le scarpe da ginnastica saranno presentate in uno stand insieme al negozio partner Trisport. Lì potrete anche parlare con gli esperti del marchio e conoscere le caratteristiche di tutti gli altri  modelli.
361 Recensione scarpe da ginnastica Meraki 3

Tecnologia e prestazioni

  • QU!KFoam è una miscela di schiuma EVA familiare, gomma e poliuretano. Con questa combinazione di materiali è stato raggiunto un equilibrio tra ammortizzazione e dinamica. I laboratori Heeluxe Labs in California hanno partecipato allo sviluppo della schiuma. Secondo i produttori, QU!KFoam mantiene le sue proprietà sia con il  freddo che con il caldo, non diventa più morbida o più dura con il tempo – l’azienda promette una durata fino al 50% superiore rispetto all’EVA ordinaria. QU!KFoam è utilizzato in un sistema di supporto multistrato in sneakers chiamato QDP.
  • QDP (Quick Dynamic Performance) è un sistema di ammortizzazione che si basa su 3 livelli: 1 – sottopiede estraibile morbido, 2 – QU!KFoam foam, 3 – EVA classico.
  • QU!K Spine – piastra in carbonio nella suola per la rigidità torsionale (la parte della piastra è visibile dal lato della suola).
  • QU!K Flex 4Foot Engineering – è costituita da  scanalature per aumentare la flessibilità della suola nella parte anteriore del piede.
  • Fitz-Rite – è un modello di più strati di termo-poliuretano che vanno a costruire la tomaia. Creano un telaio unificato per il supporto del mesopiede e del retropiede.
  • QU!KFoam è un sottopiede in schiuma sottile.
  • Morphit è il nome di un sistema di costruzione superiore unificato in cui l’allacciatura, la lingua, le gabbie laterali e posteriori sono combinate in un’unica unità.

Caratteristiche

  • Peso per modello maschile – 290 g, peso per donna – 245 g
  • Spacco 9 mm
  • L’aspetto è neutrale.

La Meraki è notevolmente più leggera di molti altri concorrenti, poiché i modelli di questa classe sono tipicamente superiori ai 300 g. La caduta è inferiore ai tradizionali 10mm per 1mm, ma la differenza è insignificante.


Imbottitura e suola

Nonostante i 3 strati di ammortizzazione, è notevolmente più rigida rispetto agli altri modelli di questa classe realizzate da altri produttori. E se da queste scarpe da ginnastica non ci si può aspettare una buona morbidezza o un bel tocco esse però offrono fermezza e dinamismo. Forse un ruolo significativo è svolto dalla piastra in fibra di carbonio nella parte centrale della suola tra gli strati di schiuma. Funziona in modo simile al sistema di torsione Adidas o Asics Trusstic.

La suola non affonda, non assorbe l’impulso del rimbalzo, anche se non c’è un evidente rimbalzo dalla superficie. Grazie a questo stabile posizionamento del piede, il modello 361 Meraki può essere utilizzato in modo sicuro anche se hai  un leggero grado di piede piatto. In questo modo si garantisce che la suola non colpisca rapidamente il piede e che il piede non sia costantemente in cerca di sostegno. La suola di 361 Meraki è composta da diverse mescole di gomma. La parte anteriore è più morbida, mentre la parte posteriore è più rigida e più resistente. Ho testato le sneaker su superfici asciutte e bagnate: pietre da pavimentazione, calcestruzzo, piastrelle di granito, asfalto – su tutte queste superfici la trazione è stata eccellente.

Materiale superiore e allacciatura

La costruzione della tomaia è realizzata senza cuciture, in rete Engeneered a due strati, che è diventata un classico per tutte le sneakers top running degli ultimi 2-3 anni. La maglia è rinforzata con sovrapposizioni di poliuretano termico per una perfetta aderenza al piede. I cuscinetti non solo fissano il collo del piede, ma avvolgono anche il piede nella zona del tallone per formare una sorta di cinghia. L’intero sistema si chiama Fitz-Rite e ci si sente benissimo. Non c’è alcuna imbottitura nella zona delle dita dei piedi oltre alla parapunta anteriore – solo una rete elastica.

Normalmente si può ignorare la lingua, ma non nel caso delle 361 Meraki. Qui si compone di 2 parti: alla base è leggera e traspirante, e nella parte superiore del collo del piede è densa con uno spesso strato di imbottitura. In queto modo la lingua non si sente nella parte inferiore e respira perfettamente, mentre nella zona del nodo sui lacci non stringe il piede anche con una calzata molto stretta.

A prima vista, i lacci sembrano semplici, ma anche dopo il primo utilizzo, si notano i dettagli, su cui il produttore ha lavorato tanto. I lacci sono molto morbidi ed elastici, quindi tengono saldamente nel nodo, si autobloccano negli anelli e non allentano la tenuta anche senza il nodo.

Conclusioni e parere personale sulla 361 Meraki

La Meraki è progettata per i corridori di tutti i livelli per allenarsi quotidianamente su superfici dure. Ma a causa della rigidità dell’imbottitura, potrebbero non essere adatte a tutti. Ad esempio, a chi piace atterrare con forza sul tallone non piacerà, mentre per i mezzofondisti questa ammortizzazione può essere un vantaggio. Grazie alla sua ammortizzazione densa e resistente, la Meraki può essere consigliata per una moderata iperpronazione

Un enorme vantaggio delle 361 Meraki è la vestibilità e la sensazione del piede all’interno delle sneaker. Naturalmente, questo dipende dalle caratteristiche individuali. La posizione del piede, il disegno della lingua, l’allacciatura, la morbida imbottitura interna, lo spazio nella zona della punta – è tutto perfetto. Il mio piede stretto calza perfettamente e non si muove nella scarpa, anche se sembra che ci sia ancora spazio per piedi più larghi.

Non c’è nulla di insolito nel design della sneaker, ma mi ricorda molto l’Asics del passato – la gabbia rigida del tallone e la struttura del tallone, il design dell’area dell’allacciatura e la protezione della punta, i cuscinetti stabilizzanti sul materiale della tomaia. Documentandomi sul marchio, mi sono imbattuto in discussioni secondo cui gli ex dipendenti Asics sono stati coinvolti nello sviluppo delle sneaker 361 Degrees. Se è così, allora si può essere solo felici per le 361 gradi. Perché reinventare la ruota quando si può cercare di migliorarla?

Lorenzo Begun

-300 giorni di funzionamento ogni anno -1500 km ogni anno -2 maratone ogni anno -4 mezze maratone ogni anno Salute Italia per tutti! Mail:robertlamp10[.@.]gmail.com

View all posts by Lorenzo Begun →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *