Mizuno Wave Prodigy 2

Recensione delle scarpe da corsa Mizuno Wave Prodigy 2

ImmagineTitoloPrezzoLink
Mizuno Wave Prodigy 2Mizuno Wave Prodigy 279€Aquista Ora

ProsCons
Ottimo rapporto qualità/prezzocons I lacci devono essere legati saldamente
Buona ammortizzazione, buon tocco e comfortcons Mancanza di dettagli riflettenti
Tomaia in rete ventilata
Buona presa sul piede
Durata della suola e degli altri componenti della scarpa da ginnastica

La Mizuno Wave Prodigy 2 è un modello ammortizzante della famosa marca giapponese per i corridori con pronazione neutra. Leggi la nostra recensione, e forse questa particolare scarpa da allenamento potrebbe essere la tua prossima scelta per le tue corse quotidiane regolari sul marciapiede.

L’opinione di SaluteItalia: Nessuna lamentela sull’ammortizzazione e la corsa in generale – tutto è alla pari. La sneaker dà ancora di più di quanto promesso da Mizuno. Se hai un peso fino a 90 kg, allora le scarpe da ginnastica ti terranno su e non ti lasceranno rompere anche se corri sul cemento sotto la pista. Tuttavia, è un po’ frustrante che la tomaia della sneaker sia primitiva. Nella prima versione di Prodigy la performance era più interessante e onesta. Sì, si può e si deve aggiungere al lato positivo il fatto che la scatola con abbastanza spazio per le dita e il fatto che il polimero sui lati, interagendo con l’allacciatura, grande fornisce una misura adeguata. Ma vuole ancora più elementi e dettagli in una scarpa da corsa professionale. D’altra parte, l’analogo e concorrente di Prodigy 2 è Gel Pulse 10, e lì tutto è assolutamente cattivo. Quindi il modello ha tutte le possibilità.

Negli ultimi due anni il marchio ha seriamente cambiato quasi tutto il suo catalogo di sneakers, con l’eccezione dei suoi modelli iconici come il Rider, per non cambiarli radicalmente, gli sviluppatori hanno creato un nuovo prodotto con una tomaia intrecciata WaveKnit R1.

Qualche anno fa, adidas ha introdotto la moda dell’ammortizzazione “morbida” con la tecnologia Boost, costringendo tutte le marche a fare il proprio Boost. Gli sviluppatori Nike si sono concentrati sul “miglioramento” della tomaia in mesh e hanno rilasciato la tecnologia Flyknit, e tutte le marche successivamente si sono affrettate a rilasciare le proprie varianti Flyknit.

Mizuno è uno dei marchi più “tradizionali”, a nostro parere hanno utilizzato e sviluppato la tecnologia Wave per più di 20 anni, ma gli altri componenti delle loro sneakers sono completamente nuovi.

READ  Recensione della Mizuno Wave Ultima 11
Mizuno Wave Prodigy 2

Per anni, il catalogo Mizuno Neutral si è distinto con 3 varianti; Mizuno Wave Rider, Mizuno Wave Ultima e Mizuno Wave Enigma. Ora l’Enigma è cambiato da Sky, le altre varianti sono ancora in affari, ma il modello Prodigy, che i corridori conoscevano già l’anno scorso, si aggiunge a loro.

Come possiamo vedere, gli appassionati Mizuno con pronazione neutra possono ora scegliere tra 4 opzioni, che possono essere ordinate come segue (maggiore ammortizzazione – minore capacità di velocità):

  • Mizuno Wave Rider o Wave Knit R1.
  • Mizuno Wave Prodigy.
  • Mizuno Wave Ultima.
  • Mizuno Wave Sky.
Mizuno Wave Prodigy 2

Brevemente, prima di iniziare con una recensione pezzo per pezzo, cos’è questo modello? Una sneaker della categoria Neutral per i corridori di peso fino a 80-85 kg che hanno bisogno di una sneaker leggera per tutti i giorni. Vogliamo sottolineare quanto segue: secondo il catalogo Mizuno, queste sneakers sono nello stesso segmento della Rider in termini di peso del corridore, ma sono due modelli molto diversi. Secondo noi, il Prodigy è più simile all’Ultima che al Rider.

Mizuno Wave Prodigy 2

Indice dei contenuti

Top

La prima sensazione all’interno della sneaker riguarda soprattutto il comfort. Davanti a noi è una costruzione superiore modellata senza soluzione di continuità che si adatta bene al piede e non ha la tipica imbottitura protettiva delle scarpe Mizuno davanti alle dita dei piedi di finta pelle, cioè, è una scarpa comoda, preparata per lunghe corse.

Mizuno Wave Prodigy 2 Top

Questo modello non si adatterà perfettamente ai piedi stretti e angusti, questo aspetto deve essere preso in considerazione. Le persone con tali piedi dovrebbero rifiutare il Prodigy in fase di montaggio, altri non hanno problemi con il
Il Prodigy non si adatta troppo bene (tipici piedi larghi o appena più larghi del normale).

I designer hanno ridisegnato la parte superiore della Wave Prodigy 2, guardando ad altri modelli Mizuno come la Wave Ultima 10. Rispetto al modello dell’anno scorso, molte delle cuciture sono scomparse, quindi la costruzione della tomaia è più moderna. Rende anche la scarpa più leggera e più flessibile nella zona di flessione della maglia.

La rete jacquard nella parte anteriore dà, come abbiamo detto, un aspetto più moderno alla scarpa. Consiste in due maglie indipendenti attaccate alla base della lingua. L’uscita è una maglia morbida e traspirante – la Mizuno AIRmesh.

READ  Recensione della Mizuno Rider 20 GT-X

Proprio come i designer di Mizuno hanno fatto con la Wave Ultima 10, una delle innovazioni nella tomaia della Wave Prodigy 2 è stata l’aggiunta di un tassello alla lingua in modo che non si muovesse lateralmente durante
mentre si corre. La tomaia interagisce bene con il movimento del piede, fornendo una calzata precisa in ogni fase della rullata.

Una solida coppa del tallone fornisce stabilità intorno alla caviglia, anche se il tessuto di finitura è più semplice rispetto alle opzioni più costose nel catalogo Mizuno.

Intersole

Tre elementi formano l’intersuola della Wave Prodigy 2. Il primo è la schiuma EL8 utilizzata nella parte superiore dell’intersuola. Questo tipo di schiuma è il 10% più leggero dell’EVA, ma ha una capacità tampone simile. Nella parte inferiore dell’intersuola (tallone) vediamo il secondo materiale Foam. U4icX. Aumenta l’ammortizzazione e la reattività della scarpa da ginnastica. Inutile dire che prolunga anche la vita della scarpa.

Mizuno Wave Prodigy 2 Intersuola

Tra questi due strati di schiuma, come al solito nelle scarpe Mizuno, c’è una piastra Wave in Pebax, posta parallelamente e articolata nella zona del tallone. Grazie a questo design dell’intersuola, la Wave Prodigy 2 non passerà sicuramente inosservata nel catalogo Mizuno.

I due strati di materiali Foam (e anche la soletta) offrono un’ammortizzazione morbida e flessibile, molto più che nel caso dei precedenti design Mizuno, anche se leggermente meno che con materiali concorrenti (saucony everun, nike react, adidas boost). Questo materiale, a nostro parere, ha più merito in termini di stabilità di corsa che di ammortizzazione reattiva, soprattutto quando gli strati di schiuma sono collegati alla piastra Wave, che inizia al centro della scarpa e termina nel tallone.

Mizuno Wave Prodigy 2 Intersuola 2

“Wave” è, a nostro parere, la tecnologia più avanzata in grado di fornire stabilità e stabilità in ogni passo, quindi tutti i corridori dovrebbero guardare attentamente le scarpe Mizuno quando cercano una scarpa comoda che impedisca molti movimenti indesiderati del piede, soprattutto in mezzo alla fatica.

Il Prodigy 2 è buono per qualsiasi tipo di corsa, specialmente per le corse più lunghe a un ritmo rilassato. Ad un ritmo di corsa più elevato (5 min/km e più) questo modello è ancora stabile e confortevole, e in realtà non sembra pesare i 320 grammi dichiarati. Una volta che le hai indossate, sentirai che queste non sono sneakers da maratona super veloci e leggere, ma questo non ti fermerà nei tuoi allenamenti a tempo/velocità.

READ  Recensione della Mizuno Rider 20 GT-X

Lo spessore della suola è leggermente inferiore a quello della Wave Ultima 10: 31 mm nel tallone e 19 mm in punta. Questo ti dà una differenza di altezza di 12 mm, un valore classico nella maggior parte delle sneakers da allenamento del marchio giapponese.

Mizuno Wave Prodigy 2 Intersuola 3

Suola

La suola della Mizuno Wave Prodigy 2 è simile alla prima versione.

Questa sneaker, come molti altri modelli Mizuno, utilizza la gomma X-10 sul tallone Questa mescola, forte, stabile e durevole, si trova nelle zone della suola che ricevono il maggior impatto e l’usura, cioè intorno al tallone. Una gomma microporosa più morbida è utilizzata per il resto della suola, contribuendo alla trazione, all’ammortizzazione e al trasferimento del momento.

Nel complesso, il design della suola a tacco piatto incoraggia i ritmi di corsa più lenti piuttosto che quelli più veloci. La natura della suola Mizuno è di servire sotto i piedi il più a lungo possibile.

La suola si sente abbastanza bene ad aggrapparsi alla superficie, si può correre comodamente su superfici piane o anche sentieri forestali calpestati, grazie ad una combinazione di buona presa dalle piastrelle di gomma nella parte anteriore e la forza delle piastrelle nella parte posteriore.

Mizuno Wave Prodigy 2 Suola

Conclusione

Mizuno ci offre una scarpa da ginnastica stabile e che assorbe gli urti, con la quale puoi correre qualsiasi distanza, indipendentemente dalla tua velocità di corsa.

I designer Mizuno e molti negozi raccomandano il Prodigy 2 per i corridori più leggeri di 75/80 chili, ma secondo la nostra sensazione ed esperienza, non pensiamo che i corridori più pesanti avranno problemi con la mancanza di ammortizzazione. Queste sneakers sono molto più simili alla Wave Ultima che alla Wave Rider.

La Wave Prodigy 2 si è basata sull’aggiornamento della tomaia (come per gli altri modelli del marchio), dando loro un aspetto più “elegante”, senza le cuciture. Il risultato è una struttura più leggera e
di una sneaker più leggera e adattabile alla forma. La Wave Prodigy 2 è la sneaker più accessibile che incorpora la tecnologia Wave.

L’asfalto può essere considerato come l’ambiente ideale in cui utilizzarli, anche se possono essere utilizzati anche per correre su semplici sentieri di terra calpestati.

Lorenzo Begun

-300 giorni di funzionamento ogni anno -1500 km ogni anno -2 maratone ogni anno -4 mezze maratone ogni anno Salute Italia per tutti! Mail:robertlamp10[.@.]gmail.com

View all posts by Lorenzo Begun →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *