Hoka Vanquish 3 Recensione

Recensione della scarpa da corsa Hoka Vanquish 3

Ogni anno Hoka introduce nuovi ed eccitanti modelli, così come aggiornamenti alla sua gamma esistente. L’azienda si è fatta un nome non molto tempo fa con gli ultramaratoneti, e ora produce modelli per tutti i gusti. Oggi parleremo della serie Hoka Vanquish, che si distingue dagli altri modelli dell’azienda grazie alla sua speciale struttura a due pezzi dell’intersuola.

Hoka stessa chiama questa intersuola “sospensione”, e questa definizione descrive più accuratamente il suo funzionamento. Il telaio in schiuma EVA dura copre il composito RMAT più morbido. I “braccioli” laterali in schiuma aiutano a mantenere il piede centrato durante la corsa. Grazie alla speciale geometria meta-rocker (sedia a dondolo) e all’intersuola in due pezzi, gli ingegneri Hoka definiscono questo modello il più reattivo della gamma.

Hoka Vanquish 3 Recensione

Il termine “reattività” è molto soggettivo e può essere interpretato diversamente a seconda di come lo si vede. La nostra definizione di reattività si riferisce alla capacità del materiale dell’intersuola di rimbalzare dopo l’impatto, e un tasso di recupero più alto corrisponde a una maggiore reattività. Immaginate come funziona una molla e avrà più senso per voi. Per una buona reattività, la suola intermedia non deve essere troppo morbida e avere la tendenza a spingere.

Hoka Vanquish 3 Recensione

La durezza statica (senza carico) è di solito parte di una suola reattiva, ma ciò non significa che tutte le scarpe da ginnastica rigide siano reattive. La proprietà della schiuma e il design generale influenzano il risultato finale in termini di qualità di corsa del trainer. Nel caso della Vanquish, si sente la molla in ogni passo. L’ovvia rigidità proviene dallo strato superiore di EVA; e l’elasticità è fornita dal morbido composito RMAT sottostante.

READ  HOKA One One Clifton 4 sneakers: quando le apparenze ingannano

Lo strato superiore “galleggia” sopra la metà inferiore, fornendo un rimbalzo libero ad ogni passo. Inoltre, è più o meno pronunciato su tutta la superficie dell’intersuola. Il Clifton ha una guida più morbida, anche se con un rimbalzo resistente. Ma è una sensazione più diffusa, a differenza della sensazione finemente sintonizzata e focalizzata della Vanquish.

Hoka Vanquish 3 Recensione

La suola Hoka utilizza un caratteristico design a “sedia a dondolo”, il che significa che il tallone e la punta sono spinti verso l’alto. Questo aiuta a spostare il punto di contatto con la superficie in avanti, così come un rimbalzo più veloce. L’avampiede è molto rigido, creando un effetto roll-to-toe invece di una piega. Hoka usa il termine ‘metarocker early stage’ per spiegare le caratteristiche di corsa di questo modello.

Questo significa che il punto di rollover tra le suole inizia presto, subito dopo la metà del piede. In combinazione con l’intersuola inflessibile, il piede si inclina in avanti rapidamente, dando un pushback accelerato. Questo è uno dei motivi per cui la Vanquish (e molti modelli Hoka) non si sente un allenatore lento, anche con uno strato molto spesso di schiuma sotto i piedi.

In poche parole, la corsa del trainer ti impedisce di essere una lumaca, e la maggior parte di voi non sentirà una perdita di velocità rispetto ai trainer da maratona con suola sottile. La densità della schiuma è distribuita uniformemente per tutta la lunghezza della scarpa, per facilitare il trasferimento del peso mentre si va. Ci sono segmenti di gomma sulla suola che si aggrappano abbastanza bene all’asfalto. Le piastrelle sono a filo con la schiuma esposta, il che contribuisce ad un avanzamento fluido.

READ  HOKA One One Clifton 4 sneakers: quando le apparenze ingannano
Hoka Vanquish 3 Suola

Non ci sono dubbi sulla stabilità durante la corsa, perché la base dell’intersuola è molto più ampia del piede che vi poggia sopra. Il piede è tenuto come in una culla. Vale anche la pena notare che l’intersuola spessa assorbe perfettamente tutti gli urti che arrivano.

L’intersuola unica del trainer Hoka può facilmente digerire le ultramaratone, ma ci sono molte domande sulla tomaia. Questo riguarda sia la selezione dei materiali utilizzati che la vestibilità specifica sul piede. I materiali utilizzati per la tomaia non sono all’altezza delle scarpe da 170 dollari; dovrebbero essere più morbidi, più piacevoli al tatto. La vestibilità sul piede non è del tutto familiare: la parte stretta della punta passa nella larga intersuola, di conseguenza, il trainer deve essere allacciato più duramente del solito, il che può causare sfregamenti sul piede.

Hoka Vanquish 3 Recensione

Vantaggi:

  • Ottimo rapporto tra peso del trainer e ammortizzazione, nonostante tutta la sua voluminosità esterna la scarpa è discreta sul piede
  • La costruzione leggera della tomaia è un chiaro vantaggio per le corse lunghe
  • Buona scelta per corse extra-lunghe
  • Piattaforma indossabile, presa sull’asfalto

Punti deboli:

  • La selezione dei materiali della tomaia non è all’altezza del trainer da 170 dollari
  • Sella non familiare.
  • La Hoka One One Vanquish 3 offre un’ottima ammortizzazione e supporto durante la corsa. Questo modello vi sorprenderà con prestazioni eccellenti in una varietà di allenamenti.

Lorenzo Begun

-300 giorni di funzionamento ogni anno -1500 km ogni anno -2 maratone ogni anno -4 mezze maratone ogni anno Salute Italia per tutti! Mail:robertlamp10[.@.]gmail.com

View all posts by Lorenzo Begun →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *