HOKA One One Clifton 4 sneakers: quando le apparenze ingannano

Allora comminciamo…

Oggi abbiamo una recensione di uno dei nuovi prodotti più caldi. Il modello su cui i nostri lettori si pongono più domande. E’ l’HOKA One One.

Non potevamo mancare a HOKA anche perché queste scarpe da ginnastica causano molte polemiche e controversie.

Giudicate voi stessi: in un’epoca di minimalismo, dove le marche di scarpe da ginnastica stanno riducendo il peso delle scarpe e ottimizzando la suola, il mercato esplode con un modello che ha un’intera piattaforma al posto della suola! E gli Hoku vengono acquistati, con maratoneti, ultramaratoneti e triatleti che finiscono sul podio.

Abbiamo deciso di indagare sul fenomeno HOKA, per vedere se queste scarpe da ginnastica sono così buone, e per capire perché ci sono così tante polemiche al riguardo.

Il nome

HOKA One One One suona come “uno”, non “oun” come si legge usando le regole della pronuncia inglese. Tradotto dal maori, la lingua delle persone che vivono in Nuova Zelanda, significa “è ora di volare”.

Si tratta molto probabilmente di un riferimento ai materiali più leggeri possibili delle scarpe da ginnastica per aiutarvi a vivere l’esperienza del volo mentre correte.

La storia. O come si dice in Hoke: “Una storiella su una grande scarpa da ginnastica”.

C’erano una volta due amici corridori che si incontravano nelle Alpi francesi. Amavano correre e volevano rendere la corsa più confortevole, soprattutto in discesa. Capirete se siete stati sulle Alpi o almeno le avete viste in foto. Volevano migliorare la corsa in discesa e cercare di prolungare lo slancio del corridore.

Ecco cosa hanno fatto dopo molte prove e sperimentazioni:

  • ha aumentato la suola per una maggiore ammortizzazione.
  • l’ha alleggerita.
  • ha aggiunto una tomaia leggera per mantenere i piedi meglio ventilati.
  • Hanno ottenuto la loro tecnologia Meta Rocker da sciatori e snowboarder. Con una suola ricurva, la sneaker ottimizza il comfort di rotolamento da una parte all’altra della scarpa.


Cinque soluzioni che rendono la sneaker Hoka unica nel suo genere

L’intersuola morbida, o intersuola. L’ultima campagna pubblicitaria di HOKA prende il marshmallow o il marshmallow come esempio di morbidezza.

Meta Rocker. Una curva nella suola che assomiglia al movimento di una ruota di un’auto e crea un effetto di rotolamento.

Una calzata attiva e profonda. Il grande strato di schiuma della suola esterna ha un incavo per il piede. Hocking lo paragona a un seggiolino da auto sportiva che avvolge il corpo del pilota come un bozzolo. Grazie a questa rientranza, il piede si trova all’interno della scarpa da ginnastica molto più stabile.

Imbottitura a forma di J. Una speciale forma di ammortizzazione che guida il piede per un corretto movimento e posizionamento del piede. Una superficie più piccola coperta con gomma dura aiuta a ridurre il peso della sneaker.

PROFLY – diversa densità della gomma. La parte anteriore della sneaker è più densa per un calcio più efficace e la parte posteriore è più morbida per un comodo atterraggio sul tallone.

In alto

La tomaia è realizzata in un materiale a due strati, denso all’interno e reticolato all’esterno per una maggiore traspirabilità.

C’è una stampa sui pannelli laterali, che non solo svolge un ruolo decorativo, ma fornisce anche un supporto laterale. Quando si stringono i lacci, anche questa parte più stretta si tira su e fissa il piede nella scarpa da ginnastica.

Ho fatto circa 200 km a HOKA e la tomaia non mostra segni di usura.

Lacci

Elastico, un po’ come un elastico. Per questo motivo non si disfano durante la corsa.

Lingua

La lingua non è cucita alla suola come spesso accade. È piccolo, morbido e confortevole, quindi non interferisce con la corsa.

Tacco

Il tacco è alto con una coppa a tacco fermo. È morbido all’interno e non irrita nulla.

C’è un occhiello all’esterno del tacco per facilitare l’inserimento della scarpa. Anche da questi anelli le scarpe da ginnastica possono essere attaccate allo zaino, se si viaggia, e lo zaino è criticamente spazio limitato.

Intersuole (intersuola)

Rispetto alla prima versione di HOKA, la schiuma è cambiata molto: in precedenza era più morbida e richiedeva più energia.

Ora la sneaker può essere descritta come morbida ma ferma. Morbido all’atterraggio, ma fermo al rimbalzo.

Il Meta Rocker attivo è già stato scritto sopra. Entrambe le tecnologie funzionano per aiutare il corridore.

Sentire il piede

All’inizio ero preoccupato che la sneaker fosse instabile a causa della suola larga e larga. Ma si è rivelato vero il contrario. A causa della parte larga proprio sotto l’osso metatarsale, la scarpa da ginnastica si sente super stabile. La calzata profonda fa sentire bene la sneaker intorno al piede, il che aggiunge anche stabilità.

Quando si corre in autostrada ci si sente sicuri e stabili, si vuole correre a lungo. L’accelerazione ha richiesto un po’ di tempo per abituarsi.

All’inizio c’erano delle strane sensazioni, ma dopo 50-60 km ci si abitua e non si avverte alcuna particolarità. Sono solo scarpe da corsa morbide e veloci sotto di te.

Si può correre anche nel bosco, ma solo su sentieri ben battuti. Per i sentieri vogliamo più supporto laterale e presa.

  • peso – 265g (non il più leggero, ma considerando il livello di ammortizzazione, questo peso è giustificato)
  • Caduta di 5 mm
  • punta – 24 mm
  • tacco – 29 mm
  • Scopo – autostrada
  • categoria – neutro

Per chi è l’HOKA One One Clifton 4?

Queste scarpe da ginnastica sono più adatte a chi ha intenzione di correre maratone e ultramaratone. HOKA ha tutto per questo: l’imbottitura, la vestibilità confortevole e la morbidezza dei materiali interni.

A volte possono essere utilizzati per l’accelerazione. Gli HOKA sono ottimi anche per l’allenamento di recupero e per camminare dopo una lunga partenza. Mi è piaciuto camminare con queste scarpe da ginnastica dopo un’ultramaratona.

Vale la pena dare loro una possibilità? Se non avete pregiudizi religiosi ed estetici sulle scarpe da corsa, e vi piace sperimentare tanto quanto a me, provatele di sicuro.

Costo: 115 EUR.

Lorenzo Begun

-300 giorni di funzionamento ogni anno -1500 km ogni anno -2 maratone ogni anno -4 mezze maratone ogni anno Salute Italia per tutti! Mail:robertlamp10[.@.]gmail.com

View all posts by Lorenzo Begun →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *